EconomiaPrimo Piano

Pil in calo nel terzo trimestre: è la prima volta dal 2014

ISTAT: il Prodotto Interno Lordo dell'Italia è calato dello dello 0,1 per cento rispetto al trimestre precedente

Gli ultimi dati pubblicati dall’ISTAT mostrano che il Pil dell’Italia ha subito un calo dello 0,1 per cento nel terzo trimestre del 2018 rispetto al trimestre precedente. È la prima volta dal 2014 che il Prodotto Interno Lordo torna ad avere segno negativo.

Secondo le stime preliminari rese note qualche settimana fa il Pil risultava fermo. Se la crescita dell’Italia risultasse negativa anche nel corso del prossimo trimestre del 2018 si potrebbe parlare tecnicamente di recessione.

Molti esperti attribuiscono il dato preoccupante del calo del Pil alle preoccupazioni legate all’economia mondiale, che le tensioni tra Cina e Stati Uniti potrebbero rendere più incerta. Anche i dubbi relativi al futuro economico dell’Italia potrebbero aver influito sul calo del Prodotto Interno Lordo. Le misure che il governo intende attuare potrebbero avere conseguenze sulla tenuta del sistema bancario italiano e sui conti pubblici: questo clima di incertezza ha probabilmente contribuito a un calo degli investimenti da parte delle imprese e dei cittadini. Recentemente l’Istat aveva registrato un calo della fiducia di consumatori e imprese in Italia.

Dai dati resi noti dall’Istat emerge che nel mese di ottobre si è registrato anche un notevole aumento della disoccupazione.

Tags

Articoli correlati