Economia

La Commissione europea boccia la manovra italiana

Adottato il rapporto sul debito: si avvierà così anche il processo per la procedura d'infrazione

La Commissione europea ha bocciato la manovra italiana. Secondo quanto emerge dalla riunione del collegio dei commissari, la Commissione europea ha definitivamente rigettato il documento programmatico di Bilancio del governo italiano per il 2019. L’esecutivo comunitario ha anche adottato il rapporto sul debito. Si apre così l‘iter  a una procedura  di infrazione per deficit eccessivo nelle prossime settimane.

Per l’anno prossimo il governo Lega-M5s ha fissato il rapporto deficit/Pil al 2,4%, con una stima di crescita all’1,5%, mantenendo invariate le stime anche nella lettera di risposta alle osservazioni di Bruxelles inviata la scorsa settimana.

Secondo il commissario europeo Pierre Moscovici: “ci sono dubbi e domande sulla crescita” prevista dalla manovra italiana e, nonostante i chiarimenti chiesti, questi “persistono, non abbiamo risposte a queste domande, da dove venga questa crescita né chi pagherà il conto”, a parte aumentare i “rischi per i cittadini, le banche e le imprese italiane” con un aumento di deficit e debito.

Sarcastico il commento a caldo del vicepremier Matteo Salvini: “È arrivata la lettera di Bruxelles? Va bene, aspettiamo quella di Babbo Natale“.

Secondo il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani “il governo italiano è ancora in tempo per cambiare la Manovra, per evitare danni ai cittadini italiani”. “Se non lo farà – ha aggiunto Tajani – sarà indispensabile cambiare governo e dar vita a una nuova maggioranza che combatta la disoccupazione, favorisca la crescita, abbassi la pressione fiscale e aiuti le imprese ad assumere giovani”.

Arriva anche la reazione dell’ex premier Matteo Renzi che in un post su Facebook ammonisce l’esecutivo: “Salvini e Di Maio stanno mettendo a rischio i soldi degli italiani. Sono due irresponsabili che pensano di ottenere più consenso sfasciando i conti. La bocciatura europea e dei mercati è un fatto molto grave. E questo Governo si conferma il miglior amico degli speculatori che stanno facendo soldi contro l’Italia.
Mi appello al Presidente del Consiglio e al Ministro dell’Economia: fermatevi! Abbassate il deficit, aprite un dialogo con la Commissione, cambiate le misure”.

 

  • Aggiornamento delle 16:00

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato che sabato incontrerà il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker: “il Governo è pronto a un confronto costruttivo con la Commissione europea”, ha dichiarato su Facebook.

Tags

Articoli correlati