Economia

Istat: il Pil del Sud è la metà di quello del Nord-ovest

Secondo i dati dell'istituto di statistica, al Sud il livello del Pil pro capite nel 2017 è di 18,5mila euro, inferiore del 45% rispetto a quello del Centro-Nord

Il Pil per abitante nel Sud Italia nel 2017 è di 18 mila e 500 euro, “poco più della metà di quello del Nord-Ovest” che raggiunge 35 mila e 400 euro. Lo rende noto l’Istat, sottolineando che il differenziale negativo del Sud è in crescita rispetto al 2016, quando si attestava al 44,1%. Il Pil pro capite nel Nord-Est si attesta invece a 34 mila e 300 euro e a 30 mila e 700 euro nel Centro. Emerge dunque in modo sempre più evidente l’enorme divario economico che continua a separare in due il nostro Paese.
In termini di reddito disponibile per abitante il divario scende al 35,3%. Il più elevato è a Bolzano, il minimo in Calabria.
Anche l’andamento della crescita del Pil mostra grandi differenze tra le varie zone del Paese: nel 2017, a fronte di un dato nazionale di +1,6% rispetto all’anno precedente, mostra – secondo l’Istat – un incremento del 2,2% nel Nord-ovest, dell’1,9% nel Nord-est, dell’1% nel Mezzogiorno e dello 0,9% al Centro. Tra il 2011 e il 2017 le aree che hanno subito le diminuzioni del Pil più marcate sono il Mezzogiorno (-0,5% medio annuo) e il Centro (-0,4%). Nel Nord-ovest si registra una sostanziale stabilità mentre il Nord-est è l’unica ripartizione a segnare un incremento (+0,3%).

Tags

Articoli correlati