Economia

Ispra: ecco l’Ecoatlante, accesso smart ai dati ambientali

ROMA, 01 MAR – Storie, mappe e dati per approfondire i grandi temi ambientali che interessano l’Italia da un unico punto di accesso online. L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ha presentato l’EcoAtlante, uno strumento innovativo che, attraverso una serie di StoryMap, permette di scoprire, visualizzare e condividere le informazioni ambientali nazionali e locali da pc, tablet e smartphone. L’EcoAtlante “trasporta” il visitatore in un viaggio dove le informazioni raccolte dal Sina, il Sistema informativo nazionale ambientale, costantemente aggiornate, si intrecciano a storie e narrazioni. E permette di realizzare mappe nazionali e locali personalizzate con dati, percentuali e trend. 
 “L’Ecoatlante si avvale su una serie di storie su ambiti tematici diversi”, spiega il dirigente dell’Ispra Michele Munafò. “Andiamo dalla sostenibilità ai cambiamenti climatici – spiega Munafò – da come cambia il nostro territorio al dissesto o all’inquinamento atmosferico, tutti temi di grande attualità che possiamo approfondire sia individualmente, sia attraverso delle mappe sovrapponendo queste informazioni in maniera integrata tra di loro e costruendo un quadro complessivo del nostro territorio in maniera molto flessibile e personalizzata”. L’EcoAtlante è stato illustrato nel corso di un webinar aperto dalla presidente della Commissione Ambiente della Camera, Alessia Rotta (Pd), che lo ha descritto come: “uno strumento di partecipazione, di trasparenza e di comunicazione”. “Ha il pregio di coniugare la solidità scientifica con l’efficienza e la semplicità della comunicazione”, ha sottolineato il direttore generale Arpa Lazio e vicepresidente Snpa, Marco Lupo. Mentre il direttore generale Ispra, Alessandro Bratti, ha concluso sottolineando l’importanza di mettere a disposizione dei cittadini gli strumenti per “avere la conoscenza per poter poi confrontarsi e riuscire a comprendere insieme che la strada che si sta percorrendo è quella giusta” (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati