Economia

Irpef: Ruffini, così disincentiva lavoro e guadagno

ROMA, 11 GEN – L’attuale sistema dell’Irpef “disincentiva l’offerta di lavoro” e “a guadagnare di più”. Lo ha detto il direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini in commissione finanza alla Camera. “Il sistema delle detrazioni e delle deduzioni – ha spiegato – ha determinato con il tempo una deformazione della progressività dell’imposta ‘effettiva’ rispetto alle aliquote nominali, determinando un potente disincentivo a lavorare e guadagnare di più” Anche a causa di “detrazioni decrescenti” che provocano su redditi medio-bassi (55.000 euro) un ‘salto di aliquota’. Riguardo ai dati sull’evasione fiscale Ruffini ha rilevato che nel 2018 l’agenzia delle Entrate ha registrato per Irpef, Ires, Iva e Irap un tax gap di 79,8 miliardi di euro con una riduzione “molto ampia” di 5 miliardi rispetto all’anno di imposta 2017. “Il risultato – ha detto – è dovuto alle misure di contrasto all’evasione fiscale e al miglioramento della tax compliance”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati