Economia

Dl aiuti: sindacati chiedono al Governo più risorse

ROMA, 02 MAG – I sindacati chiedono più risorse da destinare al nuovo decreto aiuti per famiglie ed imprese. È quanto emerge dalle dichiarazioni dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri, dopo l’incontro a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi. “Il governo ci ha ripetuto che per ora i ragionamenti che fanno sono su un livello di intervento tra i 6 e i 7 miliardi, gli abbiamo detto che consideriamo la cifra insufficiente. Ora è il momento di uno scostamento”, ha detto Landini al termine dell’incontro, pur sostenendo che “il governo condivide che la priorità è tutelare il potere d’acquisto dei salari e delle pensioni” ma su questo “non abbiamo avuto i contenuti del provvedimento” a cui sta lavorando, “per cui il nostro giudizio resta sospeso”. “Il governo ci ha anticipato che è allo studio una norma in arrivo nelle prossime ore da 6-7 miliardi per sostenere famiglie e imprese e fronteggiare questa situazione di difficoltà”, ha dichiarato, invece, il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, apprezzando la convocazione del governo e sottolineando che è “uno stanziamento importante ma non sufficiente”. Per recuperare altre risorse, secondo la Cisl, servirebbe agire per “un ulteriore tassazione degli extraprofitti delle multinazionali, il reinvestimento dell”extra gettito Iva e possibilità di uno scostamento di bilancio”, aggiunge. Il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, infine, ha sostenuto di aver ribadito la necessità di “intervenire su salari, lavoro e pensioni e costo energia”. “Il governo ha recepito le nostre richieste e le condivide. Nel decreto che si appresta a fare terrà conto delle nostre proposte e richieste. Vedremo le scelte che farà”, ha concluso Bombardieri. Hanno partecipato all’incontro il ministro dell’Economia Daniele Franco, del Lavoro Andrea Orlando e dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ed il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati