Economia

Covid: Moody’s, da riaperture spinta a crescita

ROMA, 26 APR – Le riaperture delle attività in vigore da oggi e le nuove disposizioni per i viaggi fra regioni in Italia dovrebbero “sostenere a breve termine la crescita economica” prima degli effetti del Recovery plan anche se non sono prive di rischi. Lo scrive Moody’s in un rapporto dedicato al nostro paese dove nota come i casi di infezione da Covid siano ancora alti e se queste “riaperture scateneranno una ripresa dei casi” questo avrebbe conseguenze sulla stagione turistica. Tuttavia “la situazione della sanità pubblica” è ora più solida grazie anche all’aumento delle vaccinazioni. I fondi del Recovery plan e le riforme, se completamente attuate (oltre alle risorse stanziate in deficit) “dovrebbero supportare la crescita dell’economia italiana nel prossimo decennio” grazie a una spesa totale di circa 300 miliardi di euro entro il 2026, il 20% del Pil pre-pandemia. Secondo Moody’s, ai 40 miliardi di scostamento di bilancio approvati dal Parlamento e ai 6 miliardi annui nel 2022 e nel 2023 per i finanziamenti pubblici, vanno sommati quelli appunto provenienti dalla Ue (fra cui il Sure) con una spesa concentrata “nei primi due anni del programma”. Cruciali saranno le riforme nei settori chiave della “giustizia, fisco e pubblica amministrazione” che saranno, sottolinea l’agenzia di rating, facilitate proprio grazie agli investimenti con fondi Ue. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati