Economia

Auto: dopo crollo 2020 +62,7% vendite Europa a marzo

TORINO, 16 APR – A marzo in Unione Europea, Paesi Efta e Regno Unito – secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei – sono state vendute 1.387.924 auto, il 62,7% in più dello stesso mese del 2020, il primo della pandemia. Rispetto a marzo 2019 si registra invece un calo del 21,6%. Nel primo trimestre le immatricolazioni sono 3.080.751, lo 0,9% in più dello stesso periodo dell’anno scorso e il 25,6% in meno di quello del 2019. Fa meglio del mercato il gruppo Stellantis, che ha venduto 292.149 auto, il 140,9% in più dello stesso mese del 2020. La quota è pari al 21% rispetto al 14,2%. Nel primo trimestre le immatricolazioni sono 669.676, il 7,4% in più dell’analogo periodo dell’anno scorso, con la quota che passa dal 20,4% al 21,7%. “Per avere un’idea dell’effettivo andamento del mercato europeo occorre fare un confronto con l’ultimo marzo ‘normale’, quello del 2019. Questo confronto mette in evidenza un calo di ben il 21,6% che riflette una situazione del mercato in tutta l’Europa Occidentale molto difficile sia per la chiusura delle concessionarie in molti paesi sia per l’impatto della pandemia sull’economia”, sottolinea Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, che segnala l”a crescita ovunque delle immatricolazioni di auto elettriche e ibride, comunque non sufficiente per compensare gli effetti negativi della pandemia”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati