Economia

Acqua: Wwf, bastano 50 litri per vivere, ne consumiamo 230

ROMA, 22 MAR – Carenza d’acqua, siccità, perdita di ghiacciai, crisi alimentare e produzione di energia a rischio: sono solo alcune delle conseguenze della crisi idrica provocata dagli impatti del cambiamento climatico. Il Wwf in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, rimarca che “la sete del pianeta è una delle prove più tangibili e drammatiche della crisi climatica globale” e invita a ridurre i consumi che in Italia ammontano a 230 litri medi al giorno. Cinquanta litri sono il quantitativo minimo vitale giornaliero. Secondo i dati riportati dal Wwf nel report “L’ultima goccia. Crisi e soluzioni del prosciugamento climatico”, circa 4 miliardi di persone sperimentano già una grave carenza d’acqua per almeno un mese all’anno. Tra il 1970 e il 2019, il 7% di tutti gli eventi catastrofici nel mondo sono stati legati alla siccità, ma hanno contribuito a ben il 34% delle morti legate ai disastri. Tra le soluzioni, oltre alla decarbonizzazione, il Wwf cita la protezione, il ripristino e la gestione sostenibile dei serbatoi naturali di carbonio. Un esempio è il progetto di rinaturazione del Po, nato su proposta del WWF e ANEPLA sul quale sono stati investiti 357 milioni del recovery fund. Un altro sarebbe la pianificazione a livello di bacino idrografico con il coordinamento di un soggetto unico, l’Autorità di bacino distrettuale. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati