Meteorologia

Vortice ciclonico, rischio temporali e nubifragi su parte dell’Italia: i dettagli

Intanto il clima rimane molto mite, con picchi di 17-19 gradi possibili sulle regioni del Nord

Il vortice ciclonico situato nei pressi delle Isole Baleari stazionerà ancora per qualche giorno nel Mediterraneo occidentale, influenzando le condizioni meteo anche nelle nostre regioni, in particolare sulle Isole maggiori. A rischio di forti temporali e locali nubifragi, tra oggi e domani, sarà in particolare la Sicilia, affermano i meteorologi di IconaMeteo.it.

Intanto, sulla Francia e l’Europa centro orientale persiste una vasta area di alta pressione che impedisce l’approdo di perturbazioni atlantiche. In questa situazione, i venti arriveranno da sud o sud-est continuando a spingere verso l’Italia una massa d’aria relativamente mite che determinerà ancora valori oltre le medie stagionali, anche al Nord dove si potranno sfiorare picchi di 19 gradi.

Meteo per le prossime ore

Sull’insieme delle regioni cielo in prevalenza nuvoloso o molto nuvoloso, salvo per qualche schiarita sul Nordest e dal pomeriggio in Sardegna; nella prima parte della giornata, specie nei settori centro-settentrionali dell’isola, saranno possibili rovesci e temporali. In seguito probabile miglioramento. Tempo instabile in Sicilia con rovesci e temporali sparsi, più probabili nell’ovest; qualche pioggia anche in Calabria, principalmente nel sud e sui rilievi. Piogge sparse sul Piemonte occidentale e sul Ponente Ligure, in temporanea attenuazione nel pomeriggio sul Torinese. La sera possibilità di rovesci sparsi o isolati temporali sul Lazio e nel sud della Toscana.
Temperature: in aumento su Centro-Nord e Sardegna, più sensibile al Nord, senza grosse variazioni al Sud. Clima mite per il periodo, specialmente al Centro-Sud, particolarmente sul lato tirrenico, al Sud e sulle isole dove si supereranno ancora i 20 gradi.
Venti deboli su gran parte del Nord e sul versante adriatico. Venti tesi di Tramontana in Liguria, da moderati a tesi sud orientali altrove.
Mari: poco mosso l’Adriatico; mossi i restanti bacini, fino a molto mossi o localmente agitati il Ligure occidentale, il Tirreno e lo Ionio meridionale.

Meteo per domani, giovedì 11 novembre

Cielo in gran parte sereno o poco nuvoloso sulle aree alpine centrali e orientali e sulle vicine zone pedemontane. Nel resto d’Italia sarà una giornata prevalentemente nuvolosa, anche se non mancheranno delle temporanee e locali schiarite su Emilia centrale, nord della Toscana, Sud peninsulare e Sardegna.
Il tempo sarà molto instabile in Sicilia con piogge localmente intense e a carattere di rovescio o temporale. Al mattino possibili rovesci isolati su alto Lazio e Toscana, piogge residue sul Piemonte occidentale, in attenuazione dal pomeriggio. Dal pomeriggio rovesci nel nordest della Sardegna. La sera di nuovo qualche pioggia nel Cuneese.
Temperature in rialzo al Nord con valori oltre le medie stagionali e possibili massime fino a 17-19 gradi. Valori in calo nel Lazio, poche variazioni di rilievo nel resto d’Italia; al Sud e nelle Isole massime ancora intorno ai 20 gradi.
Venti in prevalenza deboli; saranno in attenuazione anche su Liguria, regioni tirreniche, mari di ponente e basso Ionio dove localmente potranno essere ancora di moderata intensità.
Mari: poco mosso l’Adriatico; ancora mossi o molto mossi i restanti bacini ma con moto ondoso in graduale attenuazione.

Meteo per venerdì 12 novembre

Prevalenza di nuvole su gran parte d’Italia con qualche schiarita nelle zone più settentrionali del Paese, in Puglia e Sardegna. Locali piogge saranno possibili principalmente sul nordest della Sicilia, nel sud della Calabria e nel Lazio, in forma più occasionale su bassa Toscana e Campania.
Temperature con poche variazioni di rilievo, al più in lieve calo nel Sud peninsulare. Valori in generale ancora miti per la stagione.
Venti in prevalenza deboli con residui rinforzi di Tramontana nel Ponente ligure e di Scirocco in Calabria e lungo le coste laziali.
Mari: poco mossi l’Adriatico e l’alto Ionio, mossi gli altri, fino a molto mosso il Ligure occidentale.

Tags

Articoli correlati