ItaliaMeteorologia

Nuova fase di MALTEMPO nel giorno dell’IMMACOLATA: piogge e neve

Una nuova perturbazione, la terza di dicembre, inizierà a farsi strada nella notte a partire dalla Sardegna: domani molte piogge su gran parte del Paese, con rischio di fenomeni intensi e persistenti ancora una volta sul Nord-Est

Il maltempo concede solo qualche ora di pausa alle nostre regioni. La terza perturbazione di dicembre, infatti, inizierà a farsi strada già nella notte con il primo marcato peggioramento del tempo sulla Sardegna. Nel corso della giornata di domani, festa dell’Immacolata, si avranno molte piogge anche sotto forma di temporale, nuove nevicate e forti venti. A metà settimana si potrà osservare una lieve attenuazione del maltempo – affermano i meteorologi di iconameteo.it -, ma anche la persistenza di un tempo molto variabile e a tratti instabile.

Previsioni per le prossime ore

Al Nord cielo in prevalenza molto nuvoloso, con qualche parziale schiarita in giornata su Cuneese, Ponente ligure, Emilia Romagna. Precipitazioni sparse, per lo più deboli, su Nordest, Levante Ligure, nord del Piemonte e Lombardia centro settentrionale; neve sopra a 400-700 m alto Piemonte e Lombardia, 700-800 m altrove. Sul Levate ligure con possibili rovesci o temporali nello Spezzino; neve sull’Appennino tosco emiliano oltre 800-1000 metri. Al Centro Sud schiarite anche ampie lungo l’Adriatico e sui settori ionici; cielo in prevalenza nuvoloso altrove con locali piogge sulle regioni tirreniche, più insistenti e a carattere di rovescio su Campania, basso Lazio, alta Toscana, Calabria nordoccidentale. In Sardegna alcuni rovesci sparsi sulla parte occidentale dell’Isola, ma la tendenza è verso un peggioramento marcato su tutta l’isola dalla sera. Brevi rovesci isolati anche sulla Sicilia occidentale.

Previsioni per domani, martedì 8 dicembre

Nuova perturbazione sull’Italia con cielo molto nuvoloso o coperto, eccetto qualche parziale schiarita solo all’estremo Sud. Al Nordovest deboli precipitazioni, con tendenza ad un’attenuazione nelle zone più occidentali; limite della neve intorno ai 300-400 metri, ma in graduale rialzo nel corso della giornata. In giornata piogge e rovesci al Nordest, Centro, Sardegna e Campania.

Fenomeni particolarmente insistenti e intensi all’estremo Nord-Est con limite della neve sui monti oltre i 700-800 metri. Rischio di forti temporali su bassa Toscana, Lazio e nord della Campania; neve fino a 800-1000 metri sull’Appennino tosco-emiliano, oltre 1400 metri su quello centrale. Dal pomeriggio peggiora anche sulla Sicilia, con piogge e temporali a partire dai settori occidentali e in serata anche su Calabria, Basilicata e Salento. Giornata molto ventosa.

Previsioni per mercoledì

Maltempo in generale attenuazione sull’Italia. Cielo da nuvoloso a coperto, con qualche schiarita più probabile lungo il medio e basso Adriatico, nei settori ionici e sulla Toscana. Al Nord precipitazioni residue, nevose sui rilievi oltre 800-1000 metri, in esaurimento dalla sera e con tendenza a rasserenamenti all’estremo Nord-Ovest. Pioggia a carattere sparso, anche sotto forma di brevi rovesci o temporali occasionali, su bassa Toscana, Lazio, Campania, Calabria tirrenica, ovest e sud della Sicilia, ovest della Sardegna.

Temperature: in calo le minime al Centro e sulla Sardegna; in lieve rialzo le massime al Nord, in leggera flessione al Centro-Sud, su Sicilia e Sardegna, con un clima più consono al periodo. Venti: da moderati a forti occidentali al Sud, sulle Isole e sui mari prospicienti; Maestrale fino a burrascoso sulla Sardegna, con raffiche fino a 70-80 km/h; moderati o tesi di Bora nel golfo di Trieste.

Tags

Articoli correlati