MeteorologiaPrimo Piano

Meteo, seconda parte della settimana con nuovo, intenso maltempo

Tra giovedì e venerdì, infatti, giungerà la perturbazione numero 6, responsabile di una nuova fase perturbata

Seconda settimana di novembre nel segno del maltempo sull’Italia: sono ben 5 le perturbazioni giunte dall’inizio del mese, l’ultima è quella attualmente ancora in azione, destinata ad allontanarsi verso est nel corso della giornata di mercoledì, seguita da un miglioramento solo parziale e molto breve. Tra giovedì e venerdì, infatti, giungerà la perturbazione numero 6, responsabile di una nuova fase perturbata: direttamente coinvolte saranno le regioni settentrionali, la Sardegna e le regioni centrali tirreniche, a partire dal pomeriggio di giovedì e dal settore di Nordovest. Ancora una volta saranno possibili precipitazioni molto abbondanti, anche temporalesche, con il rischio di nubifragi e potenziali situazioni di criticità, non solo per le piogge ma anche per i venti intensi. Nel settore alpino e prealpino si attendono nuove copiose nevicate, anche a quote di bassa collina nel settore occidentale tra giovedì sera e venerdì mattina. La situazione resterà compromessa fino a tutto il prossimo fine settimana, con altre occasioni piovose. In particolare, giovedì in tutte le regioni nuvolosità variabile, in addensamento già in mattinata al Nordovest. Schiarite a tratti ampie si osserveranno a inizio giornata nel settore di Nordest e sulla Sardegna orientale. Piogge sparse e locali rovesci tra Marche meridionali, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania e nell’ovest della Sicilia, ma destinate rapidamente ad esaurirsi. Nel pomeriggio si intensificano le precipitazioni su Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria, in serata anche nell’ovest della Lombardia e sulla Sardegna, con possibili temporali. A fine giornata i fenomeni si estenderanno alle regioni di Nordest, a Toscana, Umbria e Lazio. Dalla sera nevicate da moderate a forti su Alpi e Prealpi, fin verso 500-700 metri su quelle occidentali (probabile neve a Cuneo), oltre 800-1200 m su quelle centro-orientali. Temperature: massime in calo al Nordovest. Nella giornata di venerdì la perturbazione n. 6 sarà ancora attiva sulla Penisola e darà luogo a tempo perturbato soprattutto sulle regioni di Nord-Est e su quelle centrali tirreniche, dove le piogge risulteranno localmente intense e abbondanti, con possibili temporali. A rischio nubifragi, ancor auna volta, il Friuli Venezia Giulia. Marginalmente convolte dalle precipitazioni Lombardia, Liguria, basso Piemonte e Sardegna. Abbondanti nevicate nel settore alpino e prealpino centro-orientale, oltre 1000-1300 metri, in ulteriore rialzo. Il fine settimana non promette nulla di buono: protagonista sarà ancora il maltempo su molte delle nostre regioni, con altre occasioni per piogge e temporali, e con altre potenziali situazioni di criticità. Nel settore alpino potrebbero arrivare nuove nevicate, ma a quote generalmente non inferiori ai 1000 metri, salvo in casi isolati nel settore occidentale. Le temperature si manterranno su valori inferiori alla norma nelle regioni di Nord-Ovest, mentre si riporteranno al di sopra su quelle centrali adriatiche e al Sud, direttamente investite da correnti più temperate dai quadranti meridionali.

Tags

Articoli correlati