Meteorologia

Meteo, maltempo invernale fino a lunedì: le zone a rischio pioggia e neve

Non solo il weekend, ma anche l'inizio di settimana continuerà a vedere gli effetti della seconda perturbazione del mese

Il maltempo segna anche la scena meteo del primo weekend di dicembre per l’arrivo di una seconda perturbazione nord atlantica, già attiva sulle Alpi occidentali e che nelle prossime ore coinvolgerà anche i restanti settori alpini, il Nord-Est e il versante tirrenico della Penisola fino alla Sardegna. Domani – affermano i meteorologi di IconaMeteo.it -, raggiungerà le regioni meridionale e la Sicilia. Alle sue spalle affluisce una massa d’aria di origine artica, che determinerà un calo della quota neve sull’Appennino centrale e sui rilievi della Sardegna. A inizio settimana la situazione meteo risulterà ancora influenzata dal fronte perturbato sul medio Adriatico, al Sud e nelle Isole con nevicate abbondanti sull’Appennino centrale e clima decisamente invernale quasi ovunque.

Previsioni per le prossime ore

Al mattino cielo da parzialmente nuvoloso a nuvoloso su gran parte del Nord, Toscana, Umbria, Sardegna, Sicilia settentrionale e basso versante tirrenico della Calabria; tempo più soleggiato nel resto d’Italia. Nevicate sui settori di confine di Valle d’Aosta e Piemonte intorno ai 1000 metri; qualche debole pioggia sul nordovest della Toscana e della Sardegna e nell’interno della Sicilia settentrionale.
Nel pomeriggio insistono le nevicate sulle Alpi occidentali, principalmente nei settori di confine, sopra i 1000-1400 metri; piogge in intensificazione in Toscana, locali e deboli piogge su estremo levante ligure, Lazio meridionale e nell’interno della Sardegna, nubi in intensificazione su Emilia Romagna, Triveneto, Marche, Lazio e Campania. La sera piogge sparse su Liguria di levante, regioni tirreniche, Umbria, Sardegna centro-occidentale; qualche locale pioggia su Venezia Giulia e Marche; deboli nevicate sulle Alpi più settentrionali fino a quote di 500/800 metri su quelle centro orientali, a quote più elevate su quelle occidentali.
Temperature massime in rialzo in Sardegna, in calo in pianura Padana, Toscana e Lazio; senza grosse variazioni altrove.
Venti deboli in Val Padana, sul mare Adriatico settentrionale e centrale; da moderati a forti occidentali su Sardegna, mar Ligure e medio-alto Tirreno, di Maestrale su basso Tirreno, Ionio e
Sicilia.
Mari: fino a localmente agitato il Ligure, molto mossi Nord e sud del Tirreno, Mare di Sardegna, Canali delle Isole, Ionio e basso Adriatico; poco mossi il medio e l’alto Adriatico.

Previsioni meteo per domani, domenica 5 dicembre

Al Nord-Ovest tempo soleggiato con un cielo in prevalenza sereno. Nel Nord-Est molte nubi al mattino specie nei settori orientali con locali piogge e deboli nevicate sulle Alpi oltre i 400-600 metri e sull’Appennino oltre i 700-900 metri; nel pomeriggio nubi con residue precipitazioni in Friuli Venezia Giulia, cielo da poco a parzialmente nuvoloso altrove. Giornata nuvolosa e tempo instabile sul basso Tirreno e nelle Isole con piogge sparse associate a locali rovesci o temporali sulla Sardegna centro-occidentale, in Sicilia, Calabria tirrenica e al mattino anche in Campania dove però migliora nel pomeriggio; nuvolosità più variabile e irregolare altrove con isolate e deboli piogge possibili su Puglia meridionale, Basilicata, Toscana e zone interne del Centro; limite della neve in
calo sull’Appennino centrale e sui rilievi della Sardegna fino a 800-1200 metri.
Temperature minime in calo al Nord-Ovest con deboli gelate anche in pianura, in rialzo nel resto d’Italia; valori massimi in calo in Sardegna e settori alpini, stazionarie o in lieve crescita altrove.
Venti da moderati a forti occidentali sui mari di ponente, al Sud, Isole e Ionio; fino a moderati anche al Centro e sull’alto Adriatico.
Mari: molto mossi o agitati i bacini di ponente, lo Ionio ed il basso Adriatico; fino a mossi il medio e alto Adriatico.

Previsioni meteo per lunedì 6 dicembre

Al Nord e sulla Toscana tempo in prevalenza soleggiato, salvo una residua nuvolosità su Emilia meridionale e Romagna, specie al mattino quando saranno possibili locali e deboli precipitazioni. Tra pomeriggio e sera tendenza al passaggio di nubi ad alta quota a partire da ovest.
Nel resto del Paese prevarranno le nuvole, con un cielo da irregolarmente nuvoloso fino a coperto sul medio Adriatico e al Sud. Precipitazioni diffuse, a tratti intense, su Abruzzo e Molise, con neve in calo fin verso 600-800 metri. Piogge sparse a carattere più sparso e intermittente su basse Marche, basso Lazio, regioni meridionali e Sicilia; neve sull’Appennino meridionale oltre 1200-1400 metri. Sulla Sardegna ultimi rovesci al mattino nel settore occidentale e tendenza a successivo miglioramento su tutta l’isola.
Temperature: in diminuzione quasi ovunque sia le minime che le massime; all’alba gelate diffuse sulle pianure del Nordovest dove invece di pomeriggio non si andrà oltre i 6-7 gradi. Clima invernale, con valori in molti casi inferiori alla norma.
Giornata molto ventosa al Centro-Sud per venti di Libeccio sullo Ionio, da nord nei restanti settori; venti forti, con raffiche burrascose di Tramontana in Sardegna e di Maestrale nel Canale di Sicilia; venti in prevalenza deboli al Nord, salvo rinforzi su Mar Ligure e alto Adriatico.
Mari: poco mosso l’Adriatico settentrionale, ma con moto ondoso in aumento; mossi o molto mossi i restanti bacini, fino ad agitati o molto agitati il Mare e Canale di Sardegna, il Canale di Sicilia e il Tirreno meridionale.

Tags

Articoli correlati