Clima e Ambiente

L’Europa a giudizio sul clima: il 27 settembre al via un processo storico

Un processo storico sul clima. Il 27 settembre, la Corte europea dei diritti dell’uomo terrà un’udienza sul più grande caso di sempre riguardante il cambiamento climatico, un ricorso presentato da sei giovani portoghesi contro 32 Stati europei. I sei giovani sostengono che questi Stati stanno violando i loro diritti umani a causa del fatto che non stanno riducendo le loro emissioni abbastanza velocemente. L’udienza avrà una portata senza precedenti, coinvolgendo il maggior numero di Stati mai portato davanti a un tribunale.

I sei giovani richiedenti si basano sull‘impatto negativo che i cambiamenti climatici stanno già avendo sulla loro salute fisica e mentale, oltre che sul peggioramento degli impatti che subiranno in futuro. Le recenti ondate di calore li hanno confinati nelle loro case, limitando la loro capacità di giocare e socializzare all’aperto, fare esercizio fisico, dormire e concentrarsi.

Secondo le prove degli esperti presentate alla Corte, sulla base dell’attuale traiettoria del riscaldamento globale, i giovani richiedenti rischiano di subire ondate di calore di oltre 40°C che dureranno per un mese o più. Essi sottolineano inoltre la loro esposizione a rischi crescenti derivanti da altri impatti climatici, come incendi, tempeste atlantiche e maggiore esposizione a malattie infettive. Queste minacce dirette ai giovani richiedenti causano loro una notevole ansia, che è un’altra caratteristica centrale del caso.

I giovani ricorrenti hanno portato il loro caso direttamente a Strasburgo, senza passare per i tribunali nazionali. Anche nella storica causa “Urgenda”, la Corte Suprema olandese ha solo ordinato ai Paesi Bassi di ridurre le emissioni in linea con il “minimo assoluto” della loro quota equa. Come spiega un recente op-ed del famoso giurista Philippe Sands, questo approccio non può tutelare i diritti umani perché se tutti gli Stati si comportassero in questo modo, il riscaldamento globale supererebbe la già catastrofica soglia dei 2°C.

Il processo Duarte Agostinho è il primo caso riguardante il cambiamento climatico mai presentato alla Corte europea dei diritti dell’uomo; è uno dei tre attualmente all’esame del livello più alto della Corte – la Grande Camera – che tratta solo casi di eccezionale importanza. Solo lo 0,03% circa dei casi presentati alla Corte europea dei diritti dell’uomo finisce davanti alla Grande Camera.

Una sentenza a favore dei giovani ricorrenti equivarrebbe a un trattato regionale giuridicamente vincolante che obbligherebbe tutti i 32 Paesi convenuti ad accelerare rapidamente la loro azione per il clima (ad esempio riducendo le emissioni. Inoltre, poiché le sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo hanno un’influenza sulle cause intentate davanti ai tribunali nazionali in Europa, questa sentenza darebbe ai ricorrenti che intraprendono future cause sul clima a livello nazionale una base molto più solida su cui argomentare i loro casi. La sentenza è prevista per la prima metà del 2024.

Secondo uno dei sei giovani ricorrenti, Martim Duarte Agostinho:
“Senza un’azione urgente per ridurre le emissioni, il luogo in cui vivo diventerà presto una fornace insopportabile. Mi fa male sapere che i governi europei hanno il potere di fare molto di più per prevenire questo fenomeno e scelgono di non farlo. Il nostro messaggio ai giudici il 27 settembre sarà semplice: per favore, fate in modo che questi governi facciano ciò che è necessario per avere un futuro vivibile”.

Gerry Liston, avvocato senior della Global Legal Action Network (GLAN), che sta conducendo la causa a sostegno dei giovani ricorrenti, ha dichiarato:
“Le politiche climatiche dei governi europei sono in linea con un catastrofico scenario di riscaldamento globale di 3 gradi in questo secolo. Per i coraggiosi giovani richiedenti, si tratta di una condanna a vita a temperature estreme, inimmaginabili anche per gli standard odierni in rapido deterioramento. La Corte europea dei diritti dell’uomo è stata istituita dopo gli orrori della Seconda guerra mondiale per chiedere conto ai governi europei della mancata tutela dei diritti umani. Mai come in questo caso è urgente che la Corte agisca in tal senso.”

Articoli correlati