Clima e Ambiente

Le piogge “infinite” in Gran Bretagna e Irlanda sono state rese più intense dalla crisi climatica

Le piogge autunnali e invernali nel Regno Unito e in Irlanda sono state rese più intense del 30% dai cambiamenti climatici causati dall’uomo. Lo rivela un nuovo studio di attribuzione curato da World Weather Attribution. Gli studi di attribuzione sono molto importanti perchè consentono di affermare con metodo scientifico e in tempi relativamente brevi, se un dato evento climatico estremo è da attribuire alla crisi climatica o meno.

Durante l’autunno e l’inverno del 2023/2024, spiegano gli scienziati, l’Europa occidentale è stata colpita da diverse di tempeste che hanno determinato danni ed eventi alluvionali. Tempeste di questo tipo sono comuni nella regione europea durante l’autunno e l’inverno, in quanto si tratta di sistemi di bassa pressione atmosferica che si sviluppano tipicamente sull’Oceano Atlantico settentrionale, per poi spostarsi verso est sull’Europa portando forti venti accompagnati in alcuni casi da forti precipitazioni.

L’intensità delle tempeste della stagione 2023-24 è stata dettata principalmente dalla posizione e dalla forza della corrente a getto, un veloce flusso d’aria canalizzato, localizzato nell’atmosfera terrestre generalmente appena sotto la tropopausa, che tende ad essere più forte in inverno. La posizione e la forza della corrente a getto influenzano il numero di sistemi di bassa pressione diretti verso l’Irlanda e il Regno Unito. La forza della corrente a getto, e il modo in cui ogni singolo sistema di bassa pressione interagisce con essa, determina se questi sistemi di bassa pressione si intensificano abbastanza da diventare tempeste atlantiche. Durante la stagione 2023-24, la corrente a getto è stata più forte del normale, il che ha probabilmente contribuito alla forza delle tempeste. Gli impatti delle singole tempeste possono essere peggiorati quando i terreni sono già molto umidi a causa di precedenti piogge intense o di una successione di tempeste su un’area simile, con conseguente saturazione, aumento del deflusso e rischio di inondazioni.

Si è osservato che le precipitazioni medie nei giorni di tempesta sono diventate più intense di circa il 30%, rispetto a un clima preindustriale più freddo di 1,2 C.
Le piogge osservate tra ottobre e marzo hanno una forte tendenza, con un aumento di circa il 25%. I modelli climatici utilizzati in questo studio concordano ampiamente sulla direzione del cambiamento e la combinazione dei risultati delle osservazioni e dei modelli indica un aumento di magnitudo compreso tra il 6% e il 25%.
I modelli indicano che le tendenze delle precipitazioni medie nei giorni di tempesta e delle precipitazioni stagionali continuano nel futuro, in un clima più caldo di 0,8°C rispetto a quello attuale. Le precipitazioni medie nei giorni di tempesta diventano circa un altro fattore di 1,6 volte più probabili, o il 4% più intense, e le precipitazioni stagionali diventano circa un fattore di 1,5 più probabili o il 2% più intense.

La stagione delle tempeste 2023/24 è la nona stagione dalla fondazione del gruppo di denominazione delle tempeste in Europa occidentale. L’iniziativa è iniziata nel 2015, quando il Met Office e Met Éireann, il servizio meteorologico nazionale irlandese, hanno iniziato ufficialmente a identificare e nominare le tempeste che hanno il potenziale di causare impatti medi o elevati, per poi espandersi fino a includere il Royal Netherlands Meteorological Institute (KNMI) nel 2019.

Articoli correlati