Clima e Ambiente

Crisi climatica, caldo estremo in India con 50 gradi

Sembra non terminare mai l’ondata di caldo che da settimane sta affliggendo buona parte dell’Asia e l’India in particolare. Nella giornata di sabato 25 maggio a Phalodi, in Rajasthan, sono stati registrati 50 gradi, come riporta l’agenzia di stampa PTI. Il Dipartimento meteorologico indiano (IMD) ha dichiarato che si tratta della temperatura più alta registrata nel Paese dal 1° giugno 2019, quando Churu, sempre nel Rajasthan, toccò i 50,8 gradi.

Nei giorni scorsi il picco della domanda di energia elettrica di Delhi ha raggiunto gli 8.000 MW, il valore più alto nella storia della capitale indiana.
Anche la metropoli sta subendo gli effetti del caldo estremo con temperature che si aggirano intorno ai 45-46°C e l’indice di calore ha superato i 50°C a causa degli alti livelli di umidità.
Gli ospedali della città hanno allestito strutture speciali per curare i pazienti affetti da malattie legate al caldo, che sono in aumento.

Il capo del Dipartimento Meteorologico del Paese (IMD), Mrutyunjay Mohapatra, ha dichiarato che un’attenuazioen del caldo nel nord-ovest dell’India e nelle zone centrali del Paese è previsto fra circatre giorni. Il dipartimento meteorologico ha intanto emesso un’allerta rossa per ondata di calore in diverse città dell’India settentrionale, tra cui il Rajasthan, per i prossimi tre giorni.

“È molto probabile che nei prossimi tre giorni si verifichino condizioni di ondata di calore o di forte calore in molte parti dell’India nord-occidentale e nelle zone limitrofe. La situazione dovrebbe ridursi gradualmente a partire dal 30 maggio a causa di una perturbazione occidentale”, ha dichiarato il funzionario dell’IMD.

Articoli correlati