AmbientePoliticaPrimo Piano

L’Italia dichiara guerra allo smog: firmato il protocollo “Aria Pulita”. I dettagli

Sei ministeri coinvolti nella ricerca di soluzioni: stanziati 400 milioni

Il governo, le Regioni e le Province autonome hanno sottoscritto oggi a Torino il protocollo “Aria Pulita”, che punta a ridurre lo smog e a migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. I ministeri impegnati dal protocollo sono sei: Ambiente, Economia, Sviluppo Economico, Infrastrutture e trasporti, Politiche agricole, Salute.
“Aria Pulita” prevede una dotazione di 400 milioni e un lasso di tempo di sei mesi per individuare misure concrete in linea con quanto sarà previsto nel testo. L’unità di coordinamento dei piani per il miglioramento della qualità dell’aria è stata istituita presso la presidenza del Consiglio e rappresenterà una segreteria politica che avrà il compito di fare da raccordo fra tutti i soggetti coinvolti.

Il premier Giuseppe Conte afferma che «Abbiamo l’esigenza morale e politica che venga tutelato un bene di tutti. L’Italia non è ancora pienamente in linea con le direttive Ue. Dobbiamo impegnarci ancora di più». E, annunciando lo stop all’energia a carbone entro il 2025, il presidente del Consiglio garantisce che il governo intende «assicurare un ambiente pulito agli italiani».

Per saperne di più leggi l’articolo su IconaClima

Tags

Articoli correlati