AmbienteItalia

Eruzione a Stromboli, turisti in mare, possibili evacuazioni. Identificata la vittima

Violente esplosioni sono state registrate dal cratere del vulcano Stromboli

Una serie di esplosioni violente sono state registrate dal cratere del vulcano Stromboli dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di Catania.
Due rivoli di lava scendono dalla Sciara del fuoco. La caduta di lapilli sta provocando degli incendi nella zona dei canneti e di Ginostra. Alcuni turisti, per paura, spaventati dalla colonna di fumo, si sono lanciati in mare.

Afferma la Protezione Civile che varie esplosioni con fuoriuscita di materiale incandescente hanno causato incendi tra le sterpaglie, sui costoni del vulcano, in diverse zone dell’Isola. Dalle prime notizie, sembra che non fossero previste escursioni guidate al vulcano.

AGGIORNAMENTO DELLE 19:00
Un escursionista di Milazzo è morto e un altro è rimasto ferito sul versante dello Stromboli in eruzione, a Punta Corvi.
Lo riferisce il comandante dei Vigili del Fuoco di Messina, Giuseppe Biffarella.
I canadair non riescono a intervenire a causa del troppo fumo nella zona impervia.
Il Sindaco esclude l’evacuazione, a Ginostra i residenti, assistiti dalla Protezione Civile, stanno lasciando le case spontaneamente.

AGGIORNAMENTO DELLE 21.20

Identificata la vittima dell’eruzione dello Stromboli: si tratta di Massimo Imbesi, nato a Messina, 35 anni. Stava percorrendo un’area libera, senza guida perché al di sotto dei 400 metri, a Punta dei Corvi, a Ginostra.

Tags

Articoli correlati