AmbientePrimo Piano

Bonus rottamazione e maxi sconto sui prodotti sfusi nel Green new deal italiano

Nel dl Clima potrebbero entrare anche piani per il trasporto pubblico sostenibile e una spinta ai parchi nazionali

Ambiente e clima sono al centro degli obiettivi del nuovo governo. Tra le opzioni al vaglio nel Green New Deal italiano ci sono bonus per la rottamazione delle auto, un maxi sconto sui prodotti sfusi, senza imballaggio di plastica, e una sforbiciata del 10% ai sussidi ambientalmente dannosi. Nel dl Clima potrebbero entrare anche piani per il trasporto pubblico sostenibile, una spinta ai parchi nazionali e il premio per la Capitale del verde.

Sconto sui prodotti senza imballaggio
Tra le misure in esame c’è lo sconto sugli acquisti senza imballaggio. Saponi e prodotti alimentari sfusi, ossia senza imballaggio di plastica, potrebbero essere scontati del 20% dal 2020 fino al 2022. L’obiettivo è quello di ridurre la produzione di imballaggi primari o secondari. Dal “Rapporto Coop 2019-Consumi e stili di vita degli italiani” emerge che ogni anno vengono utilizzate 2,1 milioni le tonnellate di plastica per confezionare il cibo in Italia. Si tratta di una iniziativa che potrebbe essere ben accolta dagli italiani che, sembrano aver più a cuore oggi l’ambiente e il clima. Il 44% degli italiani afferma infatti di impegnarsi nella lotta al cambiamento climatico anche riducendo gli acquisti di prodotti con imballaggi eccessivi. Il dato emerge dall’Eurobarometro 2019.

Bonus rottamazione auto
Tra le proposte c’è il bonus rottamazione che può arrivare fino a 2 mila euro per chi rottama auto omologate euro 4 o precedenti, senza obbligo di acquisto di autovetture nuove. Il bonus, erogato come credito d’imposta, è però riservato a chi abita nelle città metropolitane delle zone più inquinate d’Italia e interessate dalle procedure d’infrazione Ue. In pratica Piemonte, Lombardia, Veneto, Lazio, Liguria, Toscana, Molise e Sicilia. Questo bonus sarebbe utilizzabile per 5 anni a patto di non acquistare auto «non a basse emissioni» nei due anni successivi.

Continua a leggere su IconaClima

Tags

Articoli correlati