Ambiente

Allarme permafrost in Siberia: «rischia di scomparire prima di quanto pensiamo»

«Si scioglie ovunque e rischia di sparire in soli 10 anni»

La fusione causata dal riscaldamento globale non interessa solo la calotta glaciale artica ma anche il permafrost delle zone della Siberia nord-orientale. «La situazione è critica, abbiamo passato la soglia di stabilità: negli ultimi due anni infatti il permafrost ha iniziato a sciogliersi ovunque nella nostra regione». Lo ha detto all’ANSA Serghei Zimov, uno dei massimi esperti russi di permafrost e condirettore della stazione di ricerca nord-orientale della Jakuzia.

«Se il trend continua di questo passo nei prossimi 10 anni il permafrost rischia di sparire del tutto. Le previsioni sostenevano che lo scioglimento sarebbe avvenuto fra 100 anni ma invece è già iniziato». Zimov è anche il fondatore del Parco del Pleistocene, istituito nel 1996, esperimento unico al mondo che tenta, attraverso l’introduzione nella regione artica di grandi erbivori, di ricreare l’ecosistema della steppa dei mammut e, così facendo, rallentare gli effetti del cambiamento climatico.

Tags

Articoli correlati